Solo tra gli uomini possono esserci dei cafoni?

La solita lettera maschilista del solito maschilista, pubblicata come il solito da Beppe Severgnini, che perde il pelo ma non il vizio…
Su Italians – Corriere della Sera, del 10 ottobre, il lettore Riccardo Forattieri si chiede: “Che fine hanno fatto le donne di una volta?” E stabilisce lui, maschio, come devono essere le donne: “Compagne del nostro sentiero della vita, tenere, gentili, affettuose, femmine q.b.a. (quanto basta a), piacere per i nostri occhi e con la loro voce melodiosa anche per le nostre orecchie”.

Perché questo signore non si compra un paio di canarini? Saranno un piacere per i suoi occhi e il loro canto un piacere per le sue orecchie. Lui, il lettore, le donne le vuole “come le nostre mamme, le nostre mogli, tenere e premurose, comprensive ma decise”. E sottomesse, no? Se ne è dimenticato, le donne devono essere tenerissime, gentilissime, affettuosissime e sottomesse. Il lettore è stato colpito (ma guarda un po’) da alcuni atteggiamenti volgari di alcune donne. Dico, ma solo tra gli uomini possono esserci dei cafoni?

Carmelo Dini

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *