ROMA…NUN FA LA STUPIDA DOMANI (di Nicola Ambrosino)

L’ennesima vergogna parlamentare, l’ennesimo sopruso, l’ennesimo scippo ai cittadini di questo paese. Una legge elettorale votata dalla minoranza parlamentare di un parlamento incostituzionale, con l’assenso di Mattarella.

Roma nun fa la stupida domani…
danne na mano a fa caccia’ l’infami;
tutte le “Stelle” che c’hai…
più brillarelle che mai…
e un friccico de core…
tutto pe’ noi.

Faje sentì che l’ora danna’ a casa
de lassa’ lo scranno e l’aria tua;
fa che je facemo tabula rasa;
dicennoli, cor core: “Mortacci tua!”.
E i “grilli de Trastevere”…
a fa cri…cri…!

Nun se può approva’ sta triste legge,
fatta cor culo de sti poltronieri;
li manneremo a casa, con scuregge…
sti quattro debosciati e masnadieri.
Suonanno i campanili, in festa…
a fa din…don…!

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *