Napoli, lettera a Babbo Natale: vogliamo funicolari e metrò anche di notte!

Petizione on line con quasi 2.000 sottoscrizioni

“ Caro Babbo Natale, tu che di questi tempi ti prepari a distribuire i tuoi doni a grandi e piccini, fai un dono anche ai napoletani: adoperati affinché, dopo oltre un anno d’attese e tante promesse andate a vuoto, finalmente a Napoli si possa avere, prima delle oramai imminenti festività natalizie, un trasporto pubblico su ferro funzionante e efficiente, pari a quello di tante altre metropoli nazionali e europee, con funicolari e metrò funzionanti anche nelle ore post serali e nelle prime ore notturne “.

A firmare la provocatoria missiva è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari e del Comitato per il Trasporto pubblico, che è sceso in campo più volte sulla vicenda, anche con un sit-in organizzato, a suo tempo, in piazza Fuga e con un’apposita petizione popolare on line al sito https://www.change.org/p/vogliamo-metro-e-funicolari-in-funzione-fino-alle-due-di-notte che ha raccolto quasi 2.000 firme.

“ Chiediamo da tempo – scrive Capodanno – il ripristino del prolungamento del funzionamento della linea 1 della metropolitana e delle funicolari Centrale e di Chiaia, nei giorni infrasettimanali fino alle 00:30 ad eccezione del venerdì e del sabato quando l’ultima corsa andrebbe effettuata alle 02:00, così come avveniva prima dell’estate dell’anno scorso “.

” Va, ancora una volta, sottolineato – puntualizza Capodanno – che la chiusura anticipata del trasporto su ferro a Napoli incide negativamente non solo sulla qualità della vita, privando molte persone di un servizio essenziale nelle ore post serali e nelle prime ore notturne, costringendole, in alternativa, ad utilizzare la propria autovettura, ma ha anche delle ricadute su tantissime attività commerciali e imprenditoriali, con conseguenze immaginabili anche sul piano occupazionale, coinvolgendo, tra gli altri, teatri, cinema, ritrovi, discoteche, ristoranti e bar. Penalizzati pure gli stessi lavoratori notturni, che, a fine turno, non possono usufruire di un mezzo di trasporto pubblico per tornare nelle proprie abitazioni “.

” Negatività – aggiunge Capodanno – che si riflettono anche sul settore del turismo, privando i turisti che hanno deciso di trascorrere il periodo natalizio a Napoli della possibilità di potersi spostare agevolmente, da un luogo a un altro della Città, utilizzando i mezzi di trasporto su ferro nelle ore post serali, dalle 22:00 in poi. Si aggiungerebbero dunque anche le ricadute sul settore alberghiero “.

“ Pensaci tu Babbo Natale a scuotere le coscienze di quanti dovrebbero gestire la cosa pubblica tutelando gl’interessi dei propri amministrati, anche mantenendo gli impegni e le promesse – conclude nella lettera Capodanno -. Nell’occasione, rivolgi anche un invito a tua cugina la Befana. Il 6 gennaio prossimo tanto, ma proprio tanto carbone nero nelle calze di coloro che, a vario titolo, non essendosi adeguatamente e opportunamente adoperati per ottenere risultati concreti, non hanno ancora consentito che Napoli si dotasse di un trasporto pubblico degno di una grande metropoli europea, attuando anche il prolungamento degli orari di funzionamento, se non 24 ore su 24, almeno fino alle due di notte “.

Gennaro Capodanno

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

One Response to Napoli, lettera a Babbo Natale: vogliamo funicolari e metrò anche di notte!

  1. Bruno Montanino ha detto:

    Ciao, se non ci resta che Babbo Natale vorrei aggiungere alla lettera: vogliamo il reddito di cittadinanza (almeno 2000 Euro) per tutti !!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *