La lettera dei lavoratori in mobilità, senza più alcuna indennità

Caro Sindacato…cara CGIL…cara FIOM,
sono un lavoratore della “Agile” ex Eutelia che, insieme ai lavoratori di altre 28 aziende, ha lottato e poi sperato in un prolungamento della mobilità visto che a fine Dicembre era in scadenza! Purtroppo così non è stato! La “commissione bilancio” qualche giorno prima di Natale ha pensato di farci un bel regalo bocciando l’emendamento che prevedeva , appunto, l’allungamento della nostra mobilità!
Ed ora quale sarà il futuro dei lavoratori di queste 29 aziende e delle loro famiglie??!!??
Inutile descrivere lo stato di animo di tutti noi lavoratori all’interno delle proprie famiglie con il quale abbiamo trascorso queste “festività”!
Per noi sono stati solo giorni di ansia nei quali abbiamo cercato di capire effettivamente la nuova situazione drammatica in cui siamo immersi visto che con il nuovo anno non percepiremo più un centesimo di reddito!
Inutile anche descrivere nei dettagli la vertenza della “Agile”, iniziata nel lontano 2009, visto che in CGIL ora c’è Landini che insieme a Potetti della FIOM hanno gestito la vertenza e quindi conoscono benissimo ogni piccolo risvolto positivo (pochissimi) e negativi (tantissimi) che abbiamo avuto nel corso di questi lunghi anni di lotta!
Ed ora quindi, come dicevo anche prima, che si fa???
Noi lavoratori, anche se distrutti per quanto accaduto, non possiamo permetterci e non dobbiamo pensare minimamente che nulla altro si possa fare! Il prolungamento della mobilità ci permetteva ancora di sopravvivere in modo da avere ancora opportunità con il tavolo di crisi al MISE per poter rientrare nel mondo del lavoro!
Ora è importante, per ottenere il lavoro, capire quale sia il percorso di lotta più efficace da portare avanti?
E’ indubbio che per ottenere forza e visibilità mediatica è opportuno che i lavoratori delle 29 aziende si uniscano in un percorso di lotta!
Pertanto chiedo, cara CGIL e cara FIOM, che ci vengano indicate quali siano le altre 28 aziende vittime della bocciatura dell’emendamento al più presto possibile!
Altresì chiedo anche che il sindacato sia sempre al nostro fianco, attivandosi e facendo da promotore con assemblee e percorsi di lotta che prevedano la partecipazione dei lavoratori delle 29 aziende!
Purtroppo oggi, nello scenario che si è venuto a creare, ogni singola azienda è debole ed impotente!
Per continuare a nutrire speranza occorre unire le vertenze di queste 29 aziende!
I lavoratori ci sono!!! Il sindacato…la CGIL…la FIOM…ci saranno??!!??
Saluti

Pasquale D’Italia

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *