LA GUERRA NON E’ UN CALCIO DI RIGORE (di Nicola Ambrosino)

Ci s’indigna per una partita di calcio…ma non per un possibile conflitto bellico.

 

 

 

Mentre noi si cincischia su d’un fallo dovuto
il mondo va incontro a un terrore vissuto;
furenti, di rabbia, s’impreca a un rigore…
si rimane distratti di fronte all’orrore.

Bambini gasati, con mani socchiuse,
morti, ammazzati, da menti confuse;
nei bar e caffè si commenta i giornali;
nessuno s’indigna sugli autentici mali.

Mamme piangenti disinfettano panni,
case distrutte, non v’è conta di danni;
s’è tutti disposti a scatenare una guerra….
per un rigore assegnato od un fallo di terra!

Ma la cruda realtà ci dice che pazzi…
son pronti a una guerra, con armi e con razzi;
ma la guerra non è con tutto il fragore…
una squadra sconfitta od un calcio…in rigore!

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *