Dove eravate?

Senza il polo siderurgico l’Italia è finita…lo dicono i ministri, lo ripetono i sindacati, lo confermano i Riva che ricattano i lavoratori.

Camusso : “non si può bloccare la produzione”…il Cdm dell’Ilva si dimette in blocco, i sequestri decisi dalla magistratura metterebbero a rischio quella bonifica degli impianti che non si sa né a che punto sia né se sia mai cominciata.

40.000, con l’indotto, i posti a rischio…ovvero il ricatto che la proprietà fa alla popolazione ed al governo…senza numero e senza prime pagine i morti e gli ammalati per l’inquinamento prodotto dall’Ilva, ma ciò che non è profitto non fa notizia.

La questione Taranto ridotta ad una semplice equazione economica nella quale non trova spazio il “dato” vita.

Parlano e straparlano di dignità…tutti, nessuno escluso, anche quei lavoratori che hanno manifestato contro le decisioni della magistratura, come se la parola dignità sia strettamente ed unicamente legata alla parola lavoro e non contenga, nel suo significato, il diritto alla vita non solo per se stessi, ma anche per i propri figli, i propri amici, i propri concittadini.

Nessuno che si alzi a chiedere a questi soloni della politica e del sindacato: dove eravate?

Dove eravate quando i cittadini denunciavano l’inquinamento, postavano su youtube le immagini di case, scuole, edifici pubblici, coperti da una polvere nera che entrava nelle vie respiratorie, che inquinava aria e suolo, che uccideva nel silenzio di quei media che anche ora, come prima, parlano solo di produzione, di posti di lavoro, di economia ?

Dove eravate voi sindacati, voi Camusso, voi Epifani, voi Bonanni, voi Cofferati, voi Angeletti quando la gente moriva ?

Dove erano le istituzioni, gli organi di controllo e gli ispettorati sino a ieri?

Lo Stato, questo stato, questa politica, questi apparati pubblici, questi sindacati, questi padroni hanno insieme taciuto e nascosto ciò che chiunque, anche ad occhio nudo, poteva constatare. Le responsabilità sono a tutti i livelli, a cominciare da quella classe politica che non ha mai voluto vedere ciò che era impossibile non vedere, che ha preferito salvaguardare il profitto di pochi a scapito della vita della gente.

Le responsabilità sono diffuse e ben chiare, a partire dai sindacati, che non hanno mai denunciato con forza quanto accadeva, agli organi di controllo pubblici, che hanno sempre chiuso entrambi gli occhi, alle istituzioni locali e nazionali, che hanno costantemente evitato ogni verifica ed ogni ispezione.

Chi deve pagare? Non certo Taranto, non certo i lavoratori, non certo le famiglie già colpite da lutti e malattie…debbono pagare i responsabili, a partire dalla famiglia Riva, alla quale vanno sequestrati beni e fabbrica…debbono pagare i sindacati, collusi e silenti, le istituzioni complici, i politici che li hanno appoggiati…

Taranto deve poter ritornare a vivere…e può farlo solo liberandosi dalle catene di quella fabbrica di morte e di interessi indegni.

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

One Response to Dove eravate?

  1. […] 40.000, con l’indotto, i posti a rischio…ovvero il ricatto che la proprietà fa alla popolazione ed al governo…senza numero e senza prime pagine i morti e gli ammalati per l’inquinamento prodotto dall’Ilva, ma ciò che non è profitto non fa notizia…Leggi tutto… […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *