Dal nulla nasce il fascismo

Come si fa a commentare il nulla?…Ecco siamo al punto che il nulla occupa totalmente la scena…con il suo bel vestito, con il suo dialetto fiorentino, con la sua arroganza, mano nella tasca…i suoi attacchi al Movimento 5 stelle, visti da lui e dal suo partito come la vera ed unica opposizione nel paese…senza volerlo gli ha fatto grande propaganda…ed un programma fatto di tanti annunci, non dissimili da quelli fatti dai suoi predecessori…di burocrazia si parla dal ’94, di scuola e di cuneo fiscale da un po’ meno…ma sempre senza alcun risultato.

Di certo ora la cosa più urgente sono le poltrone da assegnare in quelle aziende pubbliche di diretta nomina governativa….poltrone molto spesso, se non sempre, occupate da “uomini di fiducia” del governo…attenzione…di fiducia per chi sta al governo, non per il paese…oramai due cose ben separate.

Più che un tentativo di salvare l’Italia da un baratro, che la stessa istat descrive giornalmente (oggi i consumi con un calo del 2,1%…mai così male da 25 anni) e che l’Ocse non vede per nulla lontano…sembra un semplice gioco di poltrone e di potere…all’interno di quel partito, il PD, che rappresenta, in tutt’Italia, il politicamente scorretto, il furto a prescindere, l’arroganza di una maggioranza che non è più nel paese né nella testa della gente…di un programma che non esiste, di un sistema morto e sepolto sotto le mille corruzioni, le migliaia di collusioni, le infinite bugie e lotte intestine per la poltrona.

Credere che chi viene da quella esperienza, da quelle stanze, possa esserne il moralizzatore…è come credere che Riina possa far diventare la mafia un’organizzazione benefica !

“Mi sto giocando la faccia”…dice il Renzi nel suo delirio di onnipotenza…senza pensare che se la sua faccia fa la fine che merita…purtroppo a pagarne le conseguenze non sarà lui, né il suo simpatico profilo toscano…bensì il paese intero.

Proprio dal PD arrivava il monito, rivolto ai 5 stelle, contro quei partiti che si identificavano in una sola persona…bene…lo stesso partito ha pensato che fosse meglio mettere il paese nelle mani di un personaggio eletto da poche migliaia di persone a segretario… proclamato successivamente presidente del consiglio con appena 136 voti, che passare per il voto popolare…alla faccia della democrazia e di “bella ciao” !!!!

Quello che dovremmo cominciare a capire è che la democrazia è a rischio quando la Costituzione viene continuamente sorpassata da quelle emergenze che la stessa classe politica crea per le proprie inefficienze o convenienze…e che non basta mettere al governo il 50% di donne, se quelle donne assomigliano alla Cancellieri, alla Fornero o alla Boldrini…che non serve parlare di “ius soli” quando ci sono i cie.

Chi zittisce l’ opposizione con metodi fascisti (la tagliola), arresta chi contesta le scelte sul lavoro (i disoccupati), sul territorio (i No Tav), addirittura manda avvisi di garanzia a chi esprime il suo libero pensiero su di un’opera devastatrice (caso Erri De Luca…incriminato per le sue parole sulle manifestazioni dei No Tav)…è fascista, senza se e senza ma…è il pericolo primo per la nostra libertà…è quel nemico da cui i nostri padri ci hanno liberato…e che ora si ripresenta in altre forme…ma con la stessa odiosa arroganza e protervia.

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *