Che la troika sia con voi

Sembra ormai in dirittura d’arrivo quel governo che le urne avevano chiaramente indicato più di due mesi fa.

Mattarella save Italy, il grido che si levava da quell’Italia intenta a seguire il campionato di calcio ed un po’ meno la strage sul lavoro e lo schifo di quelle intere zone del paese nelle mani di bande criminali che sembrano, ormai, non avere neanche più il freno della difesa dei loro traffici illeciti.

L’impunità la fa da padrone e permette a tutti, indigeni e non, di far quel che gli pare. Tutti rubano, dal più piccolo al più grande, nel più scemo spettacolo del mondo.

Ma ci vuole un governo, ci vuole a tutti i costi, almeno per far vedere agli altri che un po’ siamo come loro; ci serve la maschera, al contenuto penseremo dopo, forse, o mai, di sicuro.

E per essere come gli altri, almeno all’apparenza, ci serve la troika, cura e rimedio ai mali delle poche libertà e dei residui diritti rimastici, ce lo ricorda proprio Lui, il deus ex machina di questo governo in “extremis”.
“La Troika sia con voi”, esclama con forza dai microfoni il “maestro Yoda” italico, sia la Troika il vostro unico percorso ed il vostro unico disegno e futuro, più che vostro quello dei cittadini, ma questo è un dettaglio.

Allontanarci da quei dettami, che hanno massacrato il popolo greco e stanno facendo lo stesso per quello italiano e quello spagnolo, sarebbe un suicidio, fargli credere che sia possibile tornare ad avere una democrazia compiuta e non sottomessa ai bilanci ed ai debiti delle Banche e di Istituzioni corrotte, un inganno.

Si butterebbero a mare, in poche parole, anni di furti, di ingiustizie, di soprusi, di appropriazioni indebite, di corruzione e malaffare, insomma i pilastri di questa nostra repubblica, le basi sulle quali si fonda e marcisce.
Non può vincere il “regno oscuro” del populismo, quel simpatico modo di riassumere che se il popolo ha ragione io me ne frego e lo prendo anche per il sedere, la “forza” è nella troika e in quel massacro, studiato su tavoli imbanditi, del destino di intere generazioni e dello stesso pianeta.

Lo dice Mattarella, lo dice Yoda, perché dovremmo dubitarne ?

Il Pasquino

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *