Bernadette Soubirous, santa suo malgrado

Rete 4 raccomanda: «Non perdetevi, martedì 10 aprile, “Bernadette miracolo a Lourdes”, la vera storia di Bernadette, ragazzina povera e illetterata che presso la grotta di Massabielle, ha la visione di una Signora».

La vera storia di Bernadette. Tanti i libri che raccontano la storia di Bernadette. Solo uno però dimostra chiaramente alla luce del Vangelo, si badi bene, alla luce del Vangelo, che la bella Signora di Bernadette non poteva nella maniera più assoluta essere la Madre di Gesù. Non aveva nulla da spartire con la Madre di Gesù, ma non aveva nulla da spartire neppure con una qualsiasi madre amorevole terrena.

Una madre, infatti, se non folle, non ordinerebbe mai ad una figlia, già delicata di stomaco, di mangiare erba come una capretta, non ordinerebbe mai ad una figlia, già delicata di stomaco, di bere acqua sporca di fango e di sterco di maiali.

Pochi sanno che Bernadette fu ingannata. Le fecero credere che la Signora che lei immaginava di vedere fosse la Madonna. Pochi sanno che, adulta, in convento, a poco a poco si rese conto dell’inganno, al punto da giungere a pronunciare le seguenti parole: «Quando sarò morta, si dirà: “Ha contemplato la Vergine santa, quindi è una santa”, e nel frattempo io brucerò in purgatorio» (Suor Aurélie Gouteyron, Processo dell’Ordinario, Archivi di Nevers, 943). E un’altra volta: “Mi si crede una santa e non posso pensare senza rincrescimento che quest’errore impedirà di pregare per me dopo la mia morte, e così dovrò restare a lungo in purgatorio” (Febvre – Picq. Notice, 85). E ancora: «E’ già passato tanto tempo da quando queste cose sono successe, non me ne ricordo più, non desidero parlarne troppo, perché, Dio mio, se mi fossi ingannata!» (Lettera a Lasserre).

Renato Pierri
Autore del libro “Nostra Signora di Lourdes. La Madonna che non conosceva il Vangelo” (Mind Edizioni).

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *