Beppe Severgnini e le barzellette sugli uomini maltrattati dalle donne

“Fatti un giro nei Pronto Soccorso e vedrai quanti uomini “gravemente offesi”, per dirla alla Aldo,Giovanni e Giacomo, vengono visitati ogni giorno. Magari per machismo, non lo ammettono o non denunciano, ma la violenza esiste anche contro il nostro sesso”.
“Il rischio che corriamo è quello di sperperare denari pubblici, commettere gravi ingiustizie e non risolvere i problemi“.
Barzellette del genere si possono leggere solo sul blog Italians – Corriere della Sera di Beppe Severgnini, il quale, come ho scritto altre volte, perde il pelo ma non il vizio, e continua testardamente a pubblicare lettere di misogini incalliti.
A Severgnini e ai suoi lettori misogini, per capire che non sono gli uomini ma le donne ad essere violentate, picchiate, bastonate, bruciate, strangolate, sgozzate, non bastano le notizie di cronaca, non basta sapere che “Nel nostro Paese ogni due giorni e mezzo muore una donna per mano di chi dice di amarla. Nei primi 10 mesi del 2017 sono state 114 le donne uccise. I dati sono nel quarto rapporto di Eures sul femminicidio in Italia, diffuso in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebra il 25 novembre. Nel 2016 i femminicidi sono stati 150, nel 2015 erano stati 142. Un aumento del 5,6% con più di 20 vittime in Lombardia e 17 in Veneto. Dal 2000 a oggi le donne vittime di omicidio volontario in Italia sono state 3000, il 37,1% di tutte le persone uccise.
«Un problema sanitario di dimensioni epidemiche». Così il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Margaret Chan ha definito la violenza sulle donne presentando nel 2013 il più grande studio mai fatto sugli abusi fisici e sessuali subiti dalle donne nel mondo. Il 35% delle donne subisce nel corso della vita qualche forma di violenza, compresi i matrimoni precoci. Più di un terzo delle donne dell’intero pianeta. Sono 200 milioni le giovani donne e bambine che, secondo i dati Unicef, nel 2015 hanno subito mutilazioni genitali. In Europa sono 25 donne su 100 a subire abusi dai partner. In Italia avviene in un caso su tre e spesso rimangono orfani bambini senza colpe” (Vanity Fair 24 novembre 2017).
Tutto questo a Severgnini e lettori misogini non basta. Del resto, ancora oggi esistono ottuse menti che ottusamente negano l’Olocausto. Perché non dovrebbero esistere persone che negano i maltrattamenti che subiscono ogni giorno le donne in tutto il mondo?

Carmelo Dini

Condividi l'articolo sui tuoi Social Network preferiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *