Monthly Archives: luglio 2015

Usciamo mamma

Paci è il personaggio di un romanzo. È un’emigrante di origine venezuelana sposata con René, un uomo che la trascura. Ha un amante, una bimba che si chiama Marta e un’amica che si chiama Stella. Da vent’anni vive a Roma e si mantiene facendo pulizie

Azzolini promosso, Christian Rosso sospeso

Il rottamatore rottama se stesso e tutte le promesse fatte durante il suo scippo del premierato.

La “verginità” divina non ha niente da spartire con la verginità degli uomini

Se il termine ecclēsĭa fosse di genere maschile sicuramente nessuno si sarebbe mai sognato di affermare che Cristo è Sposo della Chiesa.

Le cicale impazzite a Roma, e la bella conduttrice in Tv

Il caldo deve aver fatto impazzire le cicale a Roma, sono le 21 passate e cantano ancora, ieri cantavano ancora a mezzanotte e non so se la faccenda vada giù ai grilli, non tocca a loro cantare la notte?

Simone Weil e il suo Cristo credibile quasi quasi persino per un ateo

“1938 – 1942… A metà novembre un’esperienza mistica cambierà completamente il corso della sua vita.

I ristoranti restano vuoti

L’iniezione di fiducia del premier, mai eletto da nessun, certo sig. Renzi, sembra perdere, giorno per giorno, la sua già fragile credibilità difronte ai fallimenti ripetuti di tutti gli obiettivi che lo stesso si era posto.

Vite in fumo

Tre ragazzi napoletani con gravi danni al cervello dopo l’assunzione di quella che ora chiamano “amnèsia” e che noi un tempo chiamavamo spinello.

Meno tasse in cambio di più ingiustizie

Si chiarisce il “disegno” del fiorentino abusivo, catapultato a Palazzo Chigi direttamente dalla troika e dai suoi programmi di distruzione delle democrazie e dei welfare europei.

Lavoro di morte

Forse nessuno se ne sta accorgendo o molti fanno finta di non accorgersene o nascondono, dietro i proclami del “grande premier”, una verità che viene sempre più a galla: “ per lavorare devi anche rischiare di morire”.

Il campo a riposo

Paci è il personaggio di un romanzo. È un’emigrante di origine venezuelana sposata con René, un uomo che la trascura. Ha un amante, una bimba che si chiama Marta e un’amica che si chiama Stella. Da vent’anni vive a Roma e si mantiene facendo pulizie