Monthly Archives: agosto 2014

Grande vittoria italiana

La campionessa di coerenza politica e morale del PD, tal Mogherini,

Il fustigatore delle toghe

Dal PD doveva, e poteva, arrivare l’attacco diretto all’altra casta, all’altro potere dello Stato, quello che, Costituzione in mano, dovrebbe servire a dare equilibrio alle istituzioni, ad impedire, ai politici, di appropriarsi della cosa pubblica con corruzioni e collusioni, quei reati divenuti di uso comune da chi, senza vergogna, si siede a rappresentare i cittadini ed utilizza questo potere per i propri fini personali.

Gelato toscano

Chiamare fallimento a tutto tondo la breve esperienza del venditore di pentole usate, tal Renzi, sarebbe come dipingere la spazzatura che ha soffocato Napoli come una fioriera dispensatrice di pregiati profumi.

Il grande botto

Detto fatto, ed anche con qualche giorno di anticipo. Il venditore di pentole usate toscano lo aveva preannunciato: “A settembre faremo il botto”, ed il botto, con un suono simile ad un vero e proprio collasso del palazzo Italia, è arrivato.

In un mondo che…

In un mondo che non “vede” gli eccidi di Gaza, che prende parte attiva nella strage dell’Irak e dell’Afghanistan, nei massacri in Libia ed in Siria, che vende le proprie armi ai ribelli ed ai dittatori, che misura il suo livello di umanità sugli interessi economici diretti non dei propri popoli, ma delle multinazionali che distruggono genti e terre, i cui leader sono diretti corresponsabili e i suoi governi esecutori materiali degli “effetti collaterali” che uccidono bambini, donne ed anziani, le parole “pace” e “diritti” assumono, ogni giorno di più, il ruolo di veri e propri spartiacque tra barbarie e civiltà, tra dittatura e libertà, tra ignoranza e cultura.

I volti del niente

Noi abbiamo un problema, inutile negarlo, un problema che risale, probabilmente, agli inizi di questa repubblica, ad un modo di fare politica che ha sempre vissuto sul clientelismo, sulla corruzione, sull’accordo più o meno lecito, sul depauperamento delle risorse pubbliche necessario all’arricchimento di vere e proprie cosche massoniche e mafiose, complottiste ed interne al sistema.

Fumiamoci una canna

“Passa quella canna”, chi non ricorda, tranne i finti bigotti, questa frase? Quanti di noi “aspiravano” ad impossessarsi di quel siluretto, spesso malfatto, che, a breve, avrebbe introdotto, nella serata tra amici, la completa capacità di capirsi, superando ogni schema ed ogni prevenzione, di ridere per stupidate, di abbracciarsi senza motivo, ma con tanto affetto…di credere di poter cambiare il mondo…con una canna.

Un “abbronzato” alla Casa Bianca

Non amo Berlusconi, anzi ritengo che sia uno dei maggiori responsabili, assieme a tutto il PD, dello sfascio morale, culturale ed economico del paese Italia, ma bisogna riconoscergli di aver, da subito, capito chi era, ed è, Barack Obama…un “abbronzato”, anzi forse, addirittura, per un affronto “divino” che  gli afro americani, che vivono nel “grande regno della democrazia” chiamato USA, non avrebbero mai meritato, un nero per caso.

Dalli al terrorista! – Dell’ipocrisia e del servilismo di uno stato fantoccio – Di Alfonso Mandia

Il casino scoppiato intorno al post di Alessandro Di Battista: ISIS che Fare?, la dice lunga sul valore umano di chi ci governa, sulla vigliaccheria di una classe politica inservibile, inetta, incapace, morente, la dice lunga sull’ipocrisia elevata a valore umano e istituzionale, sul vergognoso servilismo che da sempre ci affligge peggio di un cancro.

Hanno sbagliato tutto

“Abbiamo sbagliato tutto”, lo dice il ministro delle finanze Padoan, altro genio preso dal Fondo Monetario Internazionale, nel quale ricopriva la carica di responsabile su Grecia, Portogallo, etc.,  per venir a raccontare favole alle quali neanche i bimbi credono più…