Monthly Archives: novembre 2013

Niente sacciu

…e niente vitti…e se c’ero dormivo…e se dormivo sognavo che non c’ero.

Squilli

Da Napolitano a Letta, passando per lo scontato Pdl, esternazioni, inopportune, di solidarietà e fiducia al ministro della giustizia Cancellieri piovono sugli schermi televisivi…è il modo di intendere l’espletamento di un ruolo così importante nell’ italica penisola…avere contatti con una famiglia di pluri-indagati in Italia fa curriculum…altrove farebbe rima con dimissioni.

Napoli 16 novembre: un fiume in piena

Un fiume di gente riempie le strade della città di Napoli per gridare la sua rabbia e la sua indignazione.

Niente di esplicitamente satirico

‘o pappice dicette di Emanuela Marmo

            Nel 1997 il pentito mafioso Carmine Schiavone illustrò alla Commissione ecomafie l’organizzazione dello smaltimento illegale dei rifiuti tossici in Campania, in particolare nel territorio di competenza dei Casalesi. Scavi abusivi profondi circa 30 metri, anche a ridosso delle falde acquifere, sono stati riempiti con rifiuti tossici provenienti da svariate zone del centro e del nord Italia. “Fanghi nucleari” venivano anche dalla Germania.

Tangenti e champagne

C’est la rue…direbbe Enrico Letta…il nostro caro ed amato presidente del consiglio…la via italiana alla ripresa…la via della corruzione e degli sprechi pubblici…quella via lasciata libera da ogni intromissione parlamentare…e che permette, ancora, a chi dovrebbe rappresentare il popolo, di rubare…e divertirsi con i suoi soldi.

Pirandello…aveva ragione.( di Nicola Ambrosino)

Di tanta politica, in ogni Tivù…
amici, miei cari, non se ne può più!
Stesse persone, ugual personaggi,
simili studi e stessi ingranaggi.

Putredine verniciata

Belli fuori, attorniati da nugoli di cavalier serventi in attesa delle loro briciole, dispensano favori e prebende con i soldi rubati alla gente.

Chi avvelena deve pagare

L’Italia è un paese inquinato, inquinato da una classe dirigente senza alcun rispetto della vita e dell’ambiente…umiliato da un popolo che non sa più reagire, che ha imparato solo a subire…massacrato da una politica che non rappresenta gli interessi generali, che è nelle mani di arrampicatori sociali senza scrupoli e di parolai senza cervello né pensiero.

Le ragioni…delle sue prigioni. (di Nicola Ambrosino)

(dedicata al fulgido esempio del ministro Cancellieri.)

 

Com’ella della Ligresti…fu cara amica…

a liberar le sorti…fu impudìca,

per sete di poter e losche trame…

della Giustizia infin…ne fece brame.

Il NON SENSO di questo “Stato”

“L’alta velocità è strategica per questo Stato” e lo “Stato” ha militarizzato un’intera regione…i cittadini, la cui maggioranza è contraria all’opera, vengono trattati come terroristi…arrestati, perseguitati…i loro rifugi bruciano, la loro protesta inascoltata…i manganelli e i gas lacrimogeni ad altezza uomo l’unico segno di presenza delle istituzioni…la Val di Susa rubata ai Valsusini.